martedì 28 giugno 2016

Between the lines | Jodi Picoult & Samantha Van Leer

Buongiono booklovers, bentornati su I wanna be a Fangirl ♥
Finalmente riesco ad aggiornare il blog! Non volevo assolutamente lasciarlo a se stesso, ma la settimana scorsa avevo il primo esame della sessione estiva e, solitamente, mi tengo la settimana dell'esame per il ripasso matto e disperato. Non avendo preparato nulla, non ho trovato il tempo materiale per aggiornare :(. Ad ogni modo, il prossimo esame è verso la fine di luglio, quindi prevedo di recuperare parecchie recensioni arretrate ;). Non so come ma a Giugno, vedrete anche nel Wrap Up, ho letto un sacco xD.
Oggi cominciamo con le recensioni in arretrato con un libro che ho finito di recente ;).

Between the Lines | Jodi Picoult & Samantha Van Leer
Pagina Goodreads | Amazon

TRAMA: Delilah, 15 anni, è una solitaria, ossessionata con una favola. Un giorno sente il principe, Oliver, che ha cercato di parlare con altri lettori prima, ma invano. Si sente intrappolato, vuole uscire. Il suo migliore amico Frump è un cane ora, ma era un ragazzo, innamorato della principessa predestinata ad Oliver, la principessa Seraphima.


Questo libro descrive, senza esagerare, quello che è un po' il sogno di ogni lettore: cosa succederebbe se i personaggi del nostro libro preferito fossero reali e potessero parlare con noi? Provate a pensare al vostro libro preferito e a come vi sentireste se, mentre lo state leggendo per l'ennesima volta, il personaggio principale cominciasse a parlare con noi. Figo eh? ;).
Sì, questo è quello che mi ha spinta verso questo libro, mi aspettavo un'avventura epica, magari condita con qualche avventura. Purtroppo non è esattamente quello che ho trovato.

Diciamo che l'idea è fantastica, piacerebbe a qualunque lettore, ma il modo in cui è sviluppata è un pò troppo infantile e semplicistica. Nel senso che molte cose vengono lasciate a se stesse, molte volte la narrazione è stata davvero veloce e fin dall'inizio si riesce a capire senza troppa difficoltà come finirà la storia. Certo, non è il primo libro prevedibile che leggo, ma con una trama del genere le mie aspettative erano forse fin troppo alte.

Una cosa che mi ha dato un po' fastidio è la protagonista, o meglio il fatto che nasconda il libro di fiabe vergognandosi di essere ossessionata con un libro per bambini. Voglio capire, che problema c'è? Anche se dovessero vederti leggere una favola per bambini, il problema quale sarebbe? Siamo sempre sul punto del "io leggo quel cavolo che mi pare", che a quanto pare non è nemmeno preso in considerazione. Anche il fatto che nella prima metà venga spesso ricordato come sia strano ed improbabile che una ragazza che legge soprattutto romanzi classici, sia ossessionata da un libriccino per bambini. E anche qui mi è salito il "qual è il problema?!".

Il resto del romanzo, come detto prima, è scivolato via senza che fosse particolarmente memorabile. Peccato!



2 commenti:

  1. Ho ancora in libreria senza averlo neppure sfogliato La custode di mia sorella, ma è un po' di tempo che non mi ispira più e non ricordo perchè l'ho comprato (ho dalla mia il fatto che costasse poco). Non so, non so se ho voglia di dare una possibilità a questa autrice.
    So quanto tu sia impegnata ma spero ti faccia comunque piacere questo piccolo pensiero (e che le domande non siano difficili come lo sono state le mie xD), lo trovi QUI :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo letto La custode di mia sorella dopo aver visto il film e mi aveva colpito molto :)
      Ow, grazie mille *-* appena ho tempo faccio il post per ringraziarti e tutto quanto, sta sessione estiva mi sta risucchiando le energie ><

      Elimina