lunedì 10 ottobre 2016

Recensione | Illuminae di Amy Kaufman & Jay Kristoff

Buongiorno booklovers, bentornati su I wanna be a Fangirl ❤️

La recensione di oggi è dedicata a Illuminae, un libro scifi post apocalittico, scritto a quattro mani da Amy Kaufman e Jay Kristoff. E' un libro un po' particolare, in quanto viene narrato utilizzando file, mail, disegni. Geniale!

Illuminae (The Illuminae Files #1) | Amy Kaufman & Jay Kristoff
GOODREADS | AMAZON | BOOK DEPOSITORY
TRAMA: Questa mattina, Kady pensava che rompere con Ezra fosse la cosa più difficile che avesse dovuto fare. Questo pomeriggio, il suo pianeta è stato invaso.
L'anno è il 2575, e due aziende rivali sono in guerra su un pianeta che è poco più che un pezzo di ghiaccio ai termini dell'universo. Nessuno però ha pensato di avvertire la popolazione. Con il fuoco nemico contro di loro, Kady e Ezra - che si parlano a malapena - sono costretti a lavorare insieme per trovare le navicelle di evacuazione, con una flotta nemica dietro di loro.
Ma i loro problemi sono appena iniziati. Una malattia mortale si sta espandendo e mutando, con conseguenze terrificanti; il computer AI, che dovrebbe proteggerli, potrebbe essere un loro nemico; e nessuno al comando dice nulla su sto che sta succedendo. Mentre Kady si fa strada tra i database per scoprire la verità, è chiaro che l'unica persona che può aiutarla a far luce su tutto questo è il suo ex ragazzo con cui aveva giurato che non avrebbe più parlato.


Illuminae è il primo libro in una serie scifi post apocalittica, ogni libro seguirà due personaggi diversi. In questo primo romanzo seguiamo le vicende di Kady e Ezra, partendo dal momento in cui il loro pianeta viene invaso, ma non è tutto. Una strana malattia si sta diffondendo tra i sopravvissuti, con il risultato che il computer che dovrebbe proteggerli e portarli al sicuro improvvisamente impazzisce e comincia ad ucciderli, partendo proprio dalla navicella in cui si sono verificati i casi della malattia. 

Questo libro è unico, non tanto per la storia che narra, ma per il modo in cui è scritto. La storia è narrata utilizzando file, email, disegni, e altri metodi che non avevo mai trovato in un libro. Questo è stato il motivo per cui ci ho messo così tanto a decidere di leggere questo libro, avevo il timore che il metodo utilizzato per narrare la storia non fosse in grado di trasmettermi nulla, che il tutto risultasse troppo asettico. A volte non servono molte parole per raccontare una storia, questo libro ne è la conferma. Probabilmente se fosse stato scritto nella maniera tradizionale non avrebbe avuto tutto il successo che ha avuto, è interessante vedere come gli autori abbiano deciso di sperimentare in questo libro. Non è facile inizialmente seguire la storia, siamo abituati a seguire per filo e per segno quello che succede quindi inizialmente apparirà una misto di cose senza senso. Non demordete, continuate la lettura, piano piano tutto avrà un senso e vi troverete immersi in questa storia incredibile.

Kady e Ezra mi sono piaciuti molto, sono dei personaggi particolarmente intelligenti oltre che coraggiosi, entrambi sono impegnati a scoprire cosa gli viene tenuto nascosto soprattutto Kady che con le sue abilità informatiche è in grado di entrare praticamente ovunque. La maggior parte delle cose che verremo a sapere nel corso del romanzo saranno proprio grazie a Kady e alla sua testardaggine. Mi piacciono i personaggi testardi, forse perché lo sono anch'io e quindi mi ci rivedo bene, per cui capirete che Kady mi è piaciuta sin da subito. La sua determinazione è da esempio per chiunque, non si arrende mai e questa è una qualità che apprezzo sempre moltissimo nei personaggi e che molte volte mi trovo a ricercare. Anche Ezra è particolarmente testardo, a volte un po' spaccone, ma le sue mansioni sono totalmente differenti da quelle di Kady. 
E poi abbiamo Aidan, il cervello artificiale che impazzisce improvvisamente. Inizialmente non avrà molta importanza, ma andando avanti ne acquisterà sempre di più finché diventerà un vero e proprio terzo protagonista. Aidan mi ha fatto molta tenerezza, nelle sue intenzioni pensava di far del bene, eppure ha ucciso migliaia di persone. Questo ci insegna cosa potrebbe succedere se le macchine dovessero prendere il sopravvento, ma ripeto alla fine della storia mi sono affezionata a lui e quindi non posso odiarlo in alcun modo. In verità odio di più i comandanti militari delle due navicelle, che dovrebbero rispondere a codici etici e morali, ma che si comportano peggio di Aidan. Ecco, su di loro può benissimo ricadere la mia ira. Capisco lo spavento di questa nuova malattia, ma la maggior parte delle loro scelte non le ho per niente condivise, quindi non posso dire che mi stiano particolarmente simpatici. 

Il finale non ha completamente deluso le mie aspettative, anzi per come si stavano mettendo le cose pensavo che sarebbe andata molto peggio, però il finale è stato troppo veloce per i miei gusti (o forse ero io che leggevo troppo velocemente? xD). 
Sono molto curiosa di leggere Gemina, conoscere i nuovi protagonisti e vedere come si evolverà la storia principale *w*. Dopo quello scambio di battute finale mi aspetto qualcosa di orribile, o meglio epico e terribile. 

2 commenti:

  1. Io ho l'ebook inglese e dopo aver letto qualche pagina non ci capivo nulla e ho mollato ma se mi dici che poi tutto torna allora quando sarò più concentrata ci riprovo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io all'inizio non ci capivo assolutamente nulla, era tutto molto confusionario (e ho la versione cartacea, non mi immagino l'ebook!), ti assicuro che più si va avanti più le cose vengono spiegate meglio e, di conseguenza, l'esperienza di lettura migliora tantissimo ;)

      Elimina